l’ Atellana Festival, il contest di musica emergente e indipendente che si svolgerà dal 4 al 6 settembre al Castello di Teverolaccio in Succivo (CE),   in questi otto anni si è affermato come uno dei festival di riferimento della musica indie campana. e non solo.

Sempre marcata la scelta indie, marchio che oramai contraddistingue il Festival, sia nell'organizzazione sia nel programma: pochi fondi istituzionali (solo il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Succivo) serate gratuite e tanto autofinanziamento accostato ad una varietà di generi che va dal folk al rock, dallo ska al dub... 

L'Atellana conferma la sua vocazione di contest nazionale, guardando la provenienza dei gruppi in gara che si alterneranno sul palco di Teverolaccio.

Si parte venerdì 4 settembre con Dub All Sense (CE), Aedos Cluster of the Waterfall (CS), Shabadà Orchestra (NA), Strip in Midi Side (SA), ospiti della serata gli irriverenti Zen Circus, il gruppo folk-rock indie che si esibirà ad una settimana dall'uscita del loro ultimo lavoro  "Andate tutti affanculo" e reduci dalla collaborazione nella compilation prodotta dagli Afterhours "Il Paese è Reale". 

Sabato 5 settembre sarà la volta degli Skaramanzia (RG), The Shadow Line (RM), Still Leven (GE), Spasmodicamente (PG) e a chiudere l'esibizione dei The Dub Sync con Bunna e Madaski, che con Papa Nico e Baldini sul palco, sono in pratica un pezzo di Africa Unite a Succivo, a seguire DJ Set con Bunna.

Domenica 6 settembre è la serata finale del contest e a chiudere l'ottava edizione del Festival di Atella la rivelazione indie-rock del 2009 I Ministri che canteranno quelli che si prospettano essere "tempi sempre più bui".

Definita anche la giuria che valuterà i gruppi in gara e coronerà il vincitore dell'ottava edizione dell'Atellana Festival: Emilio Di Donato, direttore del portale musicale CasertaMusica.com nonché direttore dell'Orchestra Popolare Casertana, Vinci Acunto, produttore, musicista e responsabile dello studio di registrazione NUT di Napoli, Fabio Petrungaro, esperto musicale, Paolo Graziano, vicedirettore del magazine Fresco di Stampa, Fabio Sorrentino, musicista, Paolo Trama, critico e giornalista, Luigi Ferraro, responsabile del portale di musica CampaniaRock.it e Fabio Cardone, responsabile dell'associazione Do Not Disturb.

La kermesse punta anche su importanti collaborazioni che cureranno aspetti musicalmente rilevanti all'interno della manifestazione, da queste collaborazioni sono nati il premio speciale "Miglior Testo" realizzato con la collaborazione del magazine Fresco di Stampa, che premierà il gruppo che avrà portato al festival il brano con il miglior contenuto. Poi altri due premi: un premio "Produzione", targato Nut Studio, che premierà il gruppo che ha realizzato il miglior prodotto discografico, giudicato sulla base dei brani inviati e dell'esibizione live. Infine il premio alla "Critica" realizzato in collaborazione col portale casertanoCasertaMusica.com, il network più influente relativamente alla musica di Caserta e provincia, che affianca lo Spaccio Culturale per il quinto anno nella realizzazione della manifestazione.

Un edizione che conferma la vocazione indipendente del festival di Atella che non mancherà nella proposizione di momenti artistici, con mostre ed expo.

Prestigiose le partnership tra le quali MEI Fest al cui Meeting parteciperà come ospite emergente il gruppo vincitore dell'edizione, NUT Studio di Napoli che offrirà dei giorni di registrazione della propria demo presso lo studio di registrazione, ARCI CasertaBelieve Digital che promuoverà e distribuirà il lavoro discografico dei gruppi finalisti attraverso i propri canali (iTunes, Nokia Music Store, Napster, Amazon, ecc), LiveLoop Booking & Management e consolidate le collaborazioni con i media partner CasertaMusicaFresco di Stampa e Campania Rock le serate saranno trasmesse in streaming da Radio Kemonia,Radio Entropia e Radiossina.

 

2 settembre 2009